RUGBY

Mondiali Rugby, due All Black puntano a fare la storia

Will Jordan e Sam Whitelock possono contro il Sudafrica aggiungere tasselli preziosi a carriere straordinarie.

Getty Images

La tre mete all'Argentina portano il suo totale con gli All Blacks a trentuno (in trenta esibizioni): contro il Sudafrica Will Jordan, ala dei Crusaders, vuole fare la storia. Sono già otto le mete firmate in questi Mondiali: la gioia personale in finale varrà il sorpasso su Johan Lomu, Julian Savea e Bryan Habana. "Amo il gioco in sostegno, essere nel gioco dell'azione e leggere gli scenari di gioco; non è il mio indicatore principale tuffarsi per segnare mete, ma creare sovrannumero" spiega.

Sam Whitelock cerca a sua volta due ulteriori fiori all'occhiello, dopo essere diventato l'All Black più presente (151) e l'atleta più presente (25) in Coppa del Mondo, il 35enne che rinforzerà Pau diverrà il primo a calcare il campo di tre finali, con il sogno di vincere per la terza volta.

Informativa ai sensi della Direttiva 2009/136/CE: questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari alla navigazione da parte dell'utente in assenza dei quali il sito non potrebbe funzionare correttamente.