CALCIO

Milan, in estate altra cessione eccellente? È Theo il sacrificabile

Tonali è stato d’insegnamento: nessuno è incedibile, tutti sono sacrificabili. Il francese è finito nel mirino del Psg e il Milan ha già il sostituto.

Getty Images

La cessione di Tonali è stata l'occasione per il Milan e i milanisti di imparare che nessun calciatore è incedibile. I 70 milioni incassati hanno stravolto il mercato estivo, dando alla società la possibilità di sostituirlo e rafforzare la squadra in ogni reparto. In vista delle prossime sessioni, allora, nessuno è sicuro della permanenza, soprattutto davanti a offerte irrifiutabili. La politica del Milan cambia e così anche il destino di calciatori che, fino a poco tempo fa, erano considerati delle certezze: Leao e Theo Hernandez.

Theo Hernandez, spunta il PSG. Intanto il Milan individua il sostituto…

Sul francese, in particolare, le riflessioni sono in corso. Sulla decisione avrà influenza anche il piazzamento in campionato. Il Milan dovrà scegliere se replicare quanto fatto quest'estate o accontentarsi di ciò che ha per fare mercato. Optando per la prima opzione, tra tutti i nomi a disposizione il più sacrificabile è Theo Hernandez. Lui garantirebbe un'entrata importante e il Milan avrebbe già individuato in Juan Miranda (a giugno si svincolerà dal Real Betis) l'occasione per sostituirlo degnamente. 

A fare gola alla società rossonera è in particolar modo l'interesse mostrato dal Psg. Il club parigino, che sarebbe intenzionato a portarlo in Francia, ha dalla sua anche la carta Lucas Hernandez, fratello di Theo, che da qualche anno ha fortemente espresso la volontà di 'riunire la famiglia'. Il contratto del terzino con il Milan scadrà nel 2026, la prossima estate potrebbe essere l'ultima per cederlo alle cifre ambite. E anche questo “dettaglio” potrebbe fare la differenza. 

 

Informativa ai sensi della Direttiva 2009/136/CE: questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari alla navigazione da parte dell'utente in assenza dei quali il sito non potrebbe funzionare correttamente.