CALCIO

Juve, Allegri: "Siamo noi secondi. Provocazione Mourinho? Contro l'Uefa"

Il tecnico bianconero: "Inter? Sarà una partita affascinante in uno stadio pieno e bisognerà essere molto bravi".

Getty Images

In vista del derby d'Italia contro l'Inter, il tecnico della Juventus Max Allegri è intervenuto in conferenza stampa: “Io lo ripeterò fino allo sfinimento, noi siamo secondi con 3 punti più dell’Inter, 5 davanti al Milan, 4 davanti alla Lazio e 6 davanti alla Roma. Se a fine anno la squadra al netto delle penalizzazioni la squadra sarà sesta o quinta in classifica allora significa che non avremo fatto bene. Nel calcio ha ragione chi vince, alla fine dell’anno verranno tirate le somme, verrà fatta un’analisi di quello che è andato e quello no. Abbiamo avuto fuori tanti giocatori ma abbiamo lanciato 5 giovani. L’obiettivo della Juve resta arrivare a giocarsi tutte le possibilità: entrare tra le prime 4 e arrivare in finale di Coppa Italia e Europa League”.

Sul match contro l'Inter, Allegri non ha dubbi: “Sarà una partita affascinante in uno stadio pieno e bisognerà essere molto bravi. Oggi faremo l’ultimo allenamento, dovrò valutare Di Maria ma mi sembra stia bene, devo vedere anche come stanno Miretti e Bonucci. Quelli che hanno giocato giovedì saranno tutti a disposizione. La squadra deve fare meglio rispetto al secondo tempo col Friburgo, bisogna essere consapevoli che andiamo a giocare a Milano contro una squadra che in casa fa bene. Sono forti sulle palle alte e fisicamente, hanno entusiasmo per aver raggiunto i quarti di Champions, per noi sarà un test molto importante. Possiamo e dobbiamo migliorare in quella fase del match, però abbiamo già fatto passi avanti. Intanto pensiamo a chiudere questo ciclo, molti giocatori sono stanchi e devono recuperare, abbiamo uomini che nella parte finale della stagione ci potranno dare una mano”.

Quanto al sorteggio di Europa League, Allegri evita la polemica con Mourinho: “Questo è il format dell’Uefa, Mourinho forse voleva criticare loro. Sporting? È una buona squadra, ha entusiasmo, sono giovani e bravi. Le palline della Champions sono così, il destino ha voluto che le italiane hanno il 75% di arrivare con una in finale va bene per il calcio italiano”.

Chiusura su Pogba: “È da otto mesi che facciamo lo stesso ritornello. Quando sta bene sarà a disposizione, io credo che difficilmente lo riavremo subito dopo la sosta. Ci vorrà un po’ più di tempo”, conclude Allegri.

Informativa ai sensi della Direttiva 2009/136/CE: questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari alla navigazione da parte dell'utente in assenza dei quali il sito non potrebbe funzionare correttamente.