CALCIO

Gi attaccanti più forti al mondo secondo fourfourtwo

Nel calcio, realizzare gol è l'impresa più ardua e questo rende il ruolo dell'attaccante il più fondamentale in campo.

Questo è un concetto ben compreso nel mercato del calcio. I trasferimenti più costosi riguardano solitamente i calciatori con la maggiore capacità di realizzare gol, poiché un buon attaccante può mascherare le debolezze della squadra.

Ovviamente, il ruolo di attaccante non si limita più a finalizzare le azioni. Ora si richiede di mantenere la palla, di fare da collegamento nel gioco, di pressare, di sfruttare i corridoi e di sfidare duramente le difese avversarie.

Ecco la lista dei 10 attaccanti più forti al mondo attualmente secondo la rivista 'fourfourtwo'.

Getty Images
Gi attaccanti più forti al mondo secondo 'fourfourtwo'
Ecco la lista dei 10 attaccanti più forti al mondo attualmente secondo la rivista 'fourfourtwo'.
Getty Images
10) Dusan Vlahovic, 2000, Serbia
Dopo aver realizzato 49 gol in 108 partite con la Fiorentina, l'arrivo del giocatore serbo a Torino nel gennaio 2022 ha suscitato grandi aspettative tra i tifosi della Juventus. Nonostante non abbia ancora raggiunto i livelli sperati, considerando anche il periodo di transizione che sta vivendo la Juventus, il calciatore serbo è comunque riuscito a raggiungere il traguardo del doppio cifra di gol in Serie A questa stagione, nonostante le questioni extra-campo con il club abbiano creato turbolenze sul terreno di gioco.
Getty Images
9) Alexander Isak, 1999, Svezia
Unirsi a una squadra della Premier League con un contratto da oltre 60 milioni di sterline nell'estate del 2022 può sicuramente generare grande pressione per un giovane calciatore. Tuttavia, Isak ha risposto in maniera positiva a queste aspettative da quando è approdato allo St. James' Park. Nonostante un infortunio abbia rallentato il suo inizio di carriera al Newcastle, lo svedese ha recuperato brillantemente, realizzando un gol ogni due partite e mettendo in difficoltà i difensori con la sua velocità straordinaria e il suo tocco di palla incantatore.
Getty Images
8) Gabriel Jesus, 1997, Brasile
A differenza della maggior parte degli altri attaccanti, è ciò che Jesus apporta alla squadra oltre ai gol a risultare così importante per l'Arsenal. Infatti, la sua mobilità, il gioco di sponda e l'instancabile etica del lavoro lo rendono un'aggiunta di grande valore ai Gunners, confermando la decisione di Mikel Arteta di ingaggiarlo dal Manchester City. Poche punte nel calcio mondiale affliggono i difensori con lo stesso livello di dedizione di Jesus, mentre il raggiungimento del doppio cifra in Premier League evidenzia ancora una volta la sua abilità nel concludere a rete.
Getty Images
7) Lautaro Martinez, 1997, Argentina
Portare l'Inter alla sua prima finale di Champions League dal 2010 potrebbe non essere neanche il momento clou della stagione 2022/23 per Martinez, considerando che l'agile attaccante ha anche fatto parte della squadra argentina che ha vinto la Coppa del Mondo in Qatar. Nonostante sia stato criticato durante il torneo per le sue prestazioni, Martinez ha risposto ai suoi detrattori segnando 20 gol in Serie A e raggiungendo la suddetta finale. L'argentino vanta una velocità fulminante e un tiro potente.
Getty Images
6) Robert Lewandowski, 1988, Polonia
L'instancabile polacco è diventato il primo giocatore a segnare triplette in Champions League con tre squadre diverse, traguardo raggiunto per il Barcellona contro il Viktoria Plzen all'inizio di settembre. A 34 anni, Lewandowski avrebbe potuto optare per la strada più semplice quando ha lasciato il Bayern durante l'estate. Invece di scegliere la MLS, tuttavia, è approdato in Catalogna, e ha continuato la forma realizzativa che lo ha visto segnare oltre 344 gol in 375 presenze per i giganti tedeschi. 
Getty Images
5) Victor Osimhen, 1998, Nigeria
Il Napoli ha molti giocatori da ringraziare per il suo straordinario trionfo nel campionato 2022/23, ma nessuno merita più lodi di Victor Osimhen. Il suo costoso trasferimento a Napoli non ha dato i risultati sperati inizialmente, ma nella più recente stagione l'attaccante nigeriano ha dimostrato il suo valore con 23 gol in 29 partite. Punto focale degli attacchi del Napoli, Osimhen è diretto e ha un unico obiettivo: segnare gol. Che si tratti di saltare per colpire di testa o di arrivare sulle traiettorie di invitanti cross, la sua voglia di mandare il pallone in rete è evidente. 
Getty Images
4) Harry Kane, 1993, Inghilterra
Se non fosse per le prestazioni straordinarie di un altro attaccante della Premier League in questa stagione, la performance di Kane sarebbe giustamente riconosciuta come eccezionale, soprattutto considerando che sta giocando con la squadra degli Spurs che mostra mancanza di fiducia e capacità offensiva. I suoi più di 25 gol evidenziano la sua importanza per il Tottenham. Kane è il miglior marcatore di tutti i tempi del Tottenham e ha recentemente superato Wayne Rooney, salendo al secondo posto nella classifica dei migliori marcatori di tutti i tempi della Premier League.
Getty Images
3) Karim Benzema, 1987, Francia
Il robusto attaccante francese continua a sfidare il tempo, maturando oltre i 30 anni come un ottimo vino. La sua precisione nel tiro, la forza, la determinazione e l'incredibile ritmo di gioco sono semplicemente eccezionali per un giocatore di 35 anni, e non sembra che rallenterà presto. Sebbene non sia riuscito a replicare del tutto la forma che gli ha fatto vincere il Pallone d'Oro, Benzema continua a trascinare il Real Madrid con i suoi gol e il suo gioco di sponda.
Getty Images
2) Kylian Mbappé, 1998, Francia
Nonostante tutte le chiacchiere che circondano il futuro di Mbappé al PSG, anche dopo il ricco nuovo contratto firmato nell'estate del 2022, il francese ha continuato a eccellere in una squadra poco convincente. Un altro stupefacente bottino di oltre 35 gol evidenzia la sua abilità; quando Kylian è in forma, non c'è modo di fermarlo, come hanno avuto la sfortuna di scoprire nel corso degli anni le difese della Ligue 1.
Getty Images
1) Erling Haaland, 2000, Norvegia
C'erano alcuni che dubitavano se Haaland avrebbe fatto altrettanto bene in Premier League, credendo che una difesa inglese superiore avrebbe limitato la minaccia che egli rappresentava in Germania. Ha risposto a quei critici in modo enfatico, e non solo. Il norvegese ha fatto sembrare ridicole le difese della Premier League, raggiungendo le due cifre in appena sei partite di campionato, realizzando quattro triplette e infrangendo con assoluta facilità il record di gol in una singola stagione.
wine, beer, sparkling wine, champagne
19/04/2024
Informativa ai sensi della Direttiva 2009/136/CE: questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari alla navigazione da parte dell'utente in assenza dei quali il sito non potrebbe funzionare correttamente.