Nuova Zelanda-Australia
Getty Images -
RUGBY

Rugby, va alla Nuova Zelanda il Championship

Gli All Blacks bissano il successo sull'Australia: al Sudafrica non basta la vittoria sull'Argentina.

Dopo aver vinto col fiatone a Melbourne, gli All Blacks centrano il successo di fila numero 48 ad Auckland, passeggiando sull'Australia: il punteggio finale di 40-14 non fotografa appieno il controllo mantenuto a livello di gioco dai neozelandesi, autori di 5 mete.

Questo il tabellino:

Nuova Zelanda: 15 Beauden Barrett, 14 Will Jordan, 13 Rieko Ioane, 12 Jordie Barrett, 11 Caleb Clarke, 10 Richie Mo’unga, 9 Aaron Smith, 8 Ardie Savea, 7 Dalton Papali’i, 6 Akira Ioane, 5 Sam Whitelock (c), 4 Brodie Retallick, 3 Tyrel Lomax, 2 Codie Taylor, 1 Ethan de Groot.
A disposizione: 16 Samisoni Taukei’aho, 17 Ofa Tu’ungafasi, 18 Nepo Laulala, 19 Tupou Vaa’i, 20 Hoskins Sotutu, 21 Finlay Christie, 22 Roger Tuivasa-Sheck, 23 Sevu Reece.

Mete: Jordan (22’), meta di punizione (26’), Whielock (42’), Taylor (53’), Taukei’aho (64’).

Trasformazioni: Mo’unga (23’, 43’).

Calci piazzati: Mo’unga (21’, 47’, 75’).

Australia: 15 Andrew Kellaway, 14 Tom Wright, 13 Len Ikitau, 12 Lalakai Foketi, 11 Marika Koroibete, 10 Bernard Foley, 9 Jake Gordon, 8 Harry Wilson, 7 Pete Samu, 6 Rob Valetini, 5 Cadeyrn Neville, 4 Jed Holloway, 3 Allan Alaalatoa, 2 Dave Porecki, 1 James Slipper (c).
A disposizione: 16 Folau Fainga’a, 17 Angus Bell, 18 Pone Fa’amausili, 19 Nick Frost, 20 Fraser McReight, 21 Nic White, 22 Reece Hodge, 23 Jordan Petaia.

Mete: Fainga’a (58’), Petaia (81’).

Trasformazioni: Foley (59’, 82’).

Poco dopo il Sudafrica avrebbe avuto a disposizione la chance di sorpassare la Nuova Zelanda, ma la vittoria sull'Argentina non è stata acquisita coi 39 punti di distacco necessari: gli Springbooks hanno sconfitto 38-21 i Pumas.

Questo il tabellino:

Sudafrica: 15 Willie le Roux, 14 Canan Moodie, 13 Jesse Kriel, 12 Damian de Allende, 11 Makazole Mapimpi, 10 Frans Steyn, 9 Jaden Hendrikse, 8 Jasper Wiese, 7 Pieter-Steph du Toit, 6 Siya Kolisi (c), 5 Lood de Jager, 4 Eben Etzebeth, 3 Frans Malherbe, 2 Malcolm Marx, 1 Steven Kitshoff.
A disposizione: 16 Bongi Mbonambi, 17 Ox Nche, 18 Vincent Koch, 19 Franco Mostert, 20 Duane Vermeulen, 21 Kwagga Smith, 22 Faf de Klerk, 23 Kurt-Lee Arendse.

Mete: Wiese 19, Kolisi 29, tecnica 54 e 71, Arendse 82.
Conversioni: Steyn 19, 29, 82.
Punizioni: Steyn 37.

Argentina: 15 Juan Cruz Mallia, 14 Emiliano Boffelli, 13 Matias Moroni, 12 Jeronimo de la Fuente, 11 Juan Imhoff, 10 Santiago Carreras, 9 Gonzalo Bertranou, 8 Pablo Matera, 7 Marcos Kremer, 6 Juan Martin Gonzalez, 5 Tomas Lavanini, 4 Matias Alemanno, 3 Eduardo Bello, 2 Julian Montoya (c), 1 Nahuel Tetaz Chaparro.
A disposizione: 16 Augustin Creevy, 17 Mayco Vivas, 18 Joel Sclavi, 19 Guido Petti, 20 Pedro Rubiolo, 21 Tomas Cubelli, 22 Benjamin Urdapilleta, 23 Bautista Delguy.

Mete: Bertranou 39, Gonzalez 47, Moroni 68.
Conversioni: Boffelli 40, 47, 69.

La classifica del torneo, vinto per l'ottava volta dalla Nuova Zelanda da quando sono quattro le iscritte, recita: Nuova Zelanda-Sudafrica 19; Australia 10; Argentina 9.